«Stiamo vivendo una stagione turistica di grandi soddisfazioni: gli indicatori in nostro possesso ci fanno ben sperare per un anno da record in termini di presenze, numeri che ci aspettiamo superiori a quelli del 2019. L’enogastronomia è una risorsa importante del comparto turistico, da spendere non solo a livello regionale ma anche internazionale, e “Gustosa Sappada” è uno straordinario biglietto da visita che contribuisce ad ampliare il palinsesto di offerte turistiche del Fvg, particolarmente ricco in quest’anno di ripartenza». Lo ha affermato l’assessore regionale alle Attività produttive e Turismo, Sergio Emidio Bini, in occasione della presentazione della seconda edizione proprio di “Gustosa Sappada”, il festival della gastronomia di Sappada e Forni Avoltri che si è tenuta nella sede della Regione Fvg a Udine assieme all’assessore al Turismo del Comune di Sappada Silvio Fauner, a Monica Bertarelli direttore del Consorzio Sappada Dolomiti turismo, agli chef Fabrizia Meroi e Donald Michael Scalmanini e Francesco Cicconi, in rappresentanza della categoria degli artigiani e delle botteghe.

L’assessore Bini ha sottolineato l’impegno dell’Amministrazione regionale a sostegno del settore turistico e ricettivo, non solo con gli strumenti già in essere, ma anche con nuovi passi da compiere «attraverso una norma specifica inserita in assestamento per incentivare gli insediamenti turistici di qualità nelle aree montane. Una norma, ispirata a quella relativa agli insediamenti nei consorzi industriali, che permetterà alla Regione di intervenire in modo significativo, superando il “de minimis” per sostenere fino al 20% dell’investimento privato in favore di strutture ricettive di alto livello». «Stiamo assistendo ad un’evoluzione culturale, una presa di coscienza della rilevanza, per il Paese, del comparto turistico e dell’importanza di offrire servizi e strutture di qualità da parte degli imprenditori – ha aggiunto l’assessore Bini -: la Regione li accompagnerà su questa strada».
L’esponente della Giunta Fedriga ha sottolineato anche la collaborazione tra Sappada e Forni Avoltri nell’organizzazione della kermesse, richiamando l’importanza di mettere a fattor comune le eccellenze, sulla strada indicata dalla nuova promozione turistica regionale e dal claim identitario “Io sono Friuli Venezia Giulia”. Nel dettaglio, fino al 10 luglio, saranno 27 le attività ricettive del territorio che presenteranno menù e proposte enogastronomiche incentrate sul tema scelto per la seconda edizione dell’evento “I sapori di una volta”. Sono coinvolti nella kermesse 18 tra ristoranti e rifugi, oltre a bed and breakfast, gelaterie, botteghe alimentari e un panificio di Sappada e Forni Avoltri.
Organizzata dal Consorzio Sappada Dolomiti Turismo, la manifestazione vuole dare risalto a un prodotto turistico eccellente di questa zona della montagna del Friuli Venezia Giulia: l’enogastronomia, che sempre più attira turisti da ogni parte del mondo. Ogni attività aderente ha studiato portate e menù a base di ingredienti tipici dell’area, alcuni dei quali a chilometro zero, dando piena libertà agli chef di interpretarli secondo il proprio talento. Grandi protagoniste quest’anno saranno anche le aziende vinicole del Friuli Venezia Giulia, scelte dai ristoratori per abbinare le loro portate ai vini del territorio. Alla manifestazione aderisce anche il ristorante Laite, la cui chef Fabrizia Meroi è stata nominata “chef dell’anno” per il 2022 dall’autorevole guida de L’Espresso.
Come nella passata edizione, il festival non si svolgerà solo a valle e nei rifugi, ma anche lungo il sentiero silvo pastorale numero 5, che collega nella parte alta della vallata la borgata Ecche a quella di Mühlbach. Nelle sole giornate di sabato 9 e domenica 10 luglio, il sentiero ospiterà produttori di tipicità legate al territorio montano e collinare e attività di animazione. Lungo la camminata (alla portata di tutti), ci si potrà imbattere nelle esibizioni di gruppi folcloristici e si potrà partecipare alla degustazione gratuita di prodotti tipici. Tra queste la cipolla di Cavasso, il formaggio di capra prodotto in quota, la gubana di Cividale, confetture e mieli della Carnia, l’olio Evo del Carso, oli essenziali biologici provenienti da Claut e prodotti di cosmesi naturali. Non mancheranno inoltre esibizioni caratteristiche che attingono dalla tradizione e dalla cultura locale.
Altra novità della seconda edizione di “Gustosa Sappada” è la partecipazione di vip e giornalisti, chiamati a testimoniare il valore dell’iniziativa degustando i menù proposti dai ristoranti e rifugi aderenti. Nel pomeriggio di mercoledì saranno fatte le estrazioni che assegneranno un vip o giornalista ad ogni ristorante. Attesi, tra gli altri, Maria Giovanna Elmi, Francesco Moser e Mauro Corona.

—^—

In copertina e qui sopra due momenti della presentazione dell’iniziativa enogastronomica a Udine; in alto, l’assessore Bini con Fabrizia Meroi e Donald Michael Scalmanini.

 

Hits: 206

Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento