Uno spumante attento non solo al rispetto ambientale ma anche ai valori sociali: per Uva-Prosecco Doc sostenibile nella sua filiera produttiva e nel packaging, presentato a fine 2021, La Delizia Viticoltori Friulani ha affidato l’etichettatura delle bottiglie, svolta totalmente in maniera manuale, a un’altra realtà di Casarsa, la cooperativa sociale Il Piccolo Principe. Lavoratori vulnerabili o in situazioni di fragilità – come chi ha delle disabilità o a chi ha perso il lavoro e non riesce a trovarne uno nuovo – hanno in questo modo dato il loro contributo alla concretizzazione dei valori del progetto Uva che sta raggiungendo il cuore green del consumatore finale, riscuotendo apprezzamenti da parte di designer e grafici e degli addetti ai lavori nel settore vinicolo. Una collaborazione, quella tra le due cooperative casarsesi, che aggiunge così un ulteriore tassello dopo i lavori nei vigneti degli scorsi anni, dove squadre di lavoratori de Il Piccolo Principe si sono impegnate in alcune attività nella coltivazione della vite nell’azienda agricola La Delizia di Pantianicco. Una collaborazione che fa bene alla comunità e al territorio.

IL PROGETTO – C’è chi è rimasto disoccupato e chi un lavoro non lo ha mai avuto. C’è chi ha delle disabilità e chi lavora al suo fianco per completare insieme il compito della giornata. Tutti sono accomunati dal fatto che, grazie al lavoro, possono avere un proprio introito il quale, prima ancora che utile per vivere, significa dignità. Sui tavoli di lavoro della Cantina La Delizia, nell’area magazzino, le bottiglie di Uva vengono confezionate una ad una con la particolare etichetta fasciante e il copri-gabbietta in carta ecologica biodegradabile Crush, che al suo interno contiene fino al 15% di residui di vinaccia, apposto il contrassegno di Stato, per poi essere inserite nei cartoni personalizzati, chiusi con nastro adesivo di carta ecosostenibile ed essere spostati nell’area spedizioni. Un lavoro prezioso come preziose sono le persone che l’hanno svolto.

LA CANTINA – «Questa collaborazione – spiega il presidente de La Delizia, Flavio Bellomo – prosegue quanto intrapreso insieme a Il Piccolo Principe nei vigneti con le squadre di potatori. Il nostro progetto globale di sostenibilità infatti non prescinde l’impegno sociale in tutte le sue fasi, compresa quella dell’etichettatura e imballaggio: da tale consapevolezza, l’avvio di questa ulteriore collaborazione che ci ha molto soddisfatti. Un elemento, quello del valore etico del prodotto, in cui crediamo fortemente in prima persona come azienda e che viene sempre più apprezzato anche dai mercati, con consumatori sempre più attenti nel dare fiducia a vini in armonia con i propri territori e comunità di riferimento. Uva in questi mesi trascorsi dalla sua presentazione ha riscosso un gradimento sempre crescente e ricevuto prestigiosi premi: un successo che ci fa guardare con fiducia alla prossima vendemmia».

LA COOPERATIVA – «Grazie a La Delizia – ha aggiunto il presidente de Il Piccolo Principe, Luigino Cesarin, intervenuto assieme a Cristiana Scaini della cooperativa (ai progetti solidali con la Cantina hanno partecipato anche Luca Leon e Tobia Anese) – per questa ulteriore collaborazione che rafforza l’obiettivo dell’intersettorialità cooperativa, in cui cooperative di vari settori, in questo caso agricolo e sociale, lavorano insieme nel vigneto e nella realizzazione dell’etichettatura. Il lavoro è dignità e questi progetti avviati hanno permesso alle persone vulnerabili o in situazioni di fragilità di riscattare momenti difficili. Oltre a dare loro un contributo economico per la propria vita tramite lo stipendio, permettono di riappropriarsi della socialità e dell’impegno quotidiano insieme alle altre persone, come solo il lavoro sa dare. Un lavoro etico, che fa bene alla comunità nel suo complesso».

LO SPUMANTE – Uva è il Prosecco Doc sostenibile de La Delizia. Un Prosecco Doc Extra Dry spumantizzato con metodo Charmat ottenuto da uve certificate Sqnpi, forte di un concept di packaging anch’esso concretamente sostenibile, dalla bottiglia in vetro riciclato passando per il tappo di sughero certificato Fsc, fino all’etichetta stampata su carta Fsc ottenuta dalla lavorazione di residui d’uva, che sostituiscono fino all’15% della cellulosa proveniente dall’albero. Sono queste alcune delle scelte etiche compiute in fase creativa da La Delizia, coerentemente con le linee guida aziendali riassunte nel progetto valoriale “Visionari. Sostenibili. Responsabili”, avviato nel 2021 anno del 90mo dalla fondazione della cantina friulana e con l’inserimento di una farfalla nel proprio logo, emblema di salubrità, che simbolicamente denota la sostenibilità dell’intera filiera di produzione e garantisce al consumatore la qualità dei prodotti aziendali.

La Delizia e Piccolo Principe insieme.

—^—

In copertina, l’etichettatura delle bottiglie di spumante alla Cantina di Casarsa.

Hits: 191

, , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com