Bilancio in crescita, nuovo impianto d’imbottigliamento e premio prestigioso a uno dei suoi grandi vini: proprio un buon momento per la Cantina Produttori Cormòns! Alla cooperativa friulana, divenuta famosa per il Vino della Pace, è stato infatti appena comunicato di aver ottenuto il massimo riconoscimento da “Vitae” 2022, la guida ai vini del Belpaese dell’Associazione Italiana Sommelier: le “4 viti” sono andate al Pinot bianco Doc Collio 2020, un vino elegante, che coniuga freschezza e complessità, morbido e delicato. «Un grande risultato, molto importante per la Cantina, un segnale che ci fa entrare nell’olimpo delle aziende regionali e nazionali per la qualità dei nostri vini – ha affermato con evidente soddisfazione il direttore generale Alessandro Dal Zovo -, con una varietà in questo momento oggetto di promozione e valorizzazione per le particolari caratteristiche che ha nel Collio». Il Weisser Burgunder o Pinot blanc fu così descritto al IV Congresso enologico del 1891 a Gorizia: “Sul Collio esso si dimostrò anche nelle marne argillose, dette ponca, adattissimo e ferace (…) nei dintorni di Cormons si riconobbero i pregi di questo vitigno”.

Nuovo impianto di imbottigliamento.


A questo premio si aggiungono altri risultati, a partire appunto dal consuntivo chiuso il 30 giugno, approvato all’unanimità dai soci due domeniche fa, con un fatturato che registra una crescita in un anno di pandemia, ed una tendenza positiva del primo trimestre del nuovo bilancio, che sfiora il 15%. «Una soddisfazione rafforzata anche dall’ottimo raccolto – precisa il presidente Filippo Bregant -, una grande annata favorita dalle condizioni climatiche ed atmosferiche, con una produzione maggiore del 10% e un’altissima qualità. Possiamo definirla una vendemmia tardiva, con il mese di settembre soleggiato, che ha condotto alla perfetta maturazione le uve. Bei segnali giungono anche dal mercato estero, con vendite in ripresa negli ultimi mesi grazie all’acquisizione di nuovi importatori».
La stessa domenica, a conclusione dell’assemblea, nello stabilimento da poco acquisito dalla Regione Fvg, è stato inaugurato il nuovo impianto di imbottigliamento. Un altro passo storico per essere sempre più efficienti e al passo con i tempi. Dopo l’intervento del presidente Bregant e del sindaco Roberto Felcaro, presente il consigliere regionale Diego Bernardis, il dg Dal Zovo ha illustrato le caratteristiche tecniche dell’impianto: «Per prima cosa – ha spiegato – abbiamo rifatto l’area con una nuova pavimentazione, su cui è stato montato l’impianto. È costituito da un monoblocco isobarico con riempimento a camera sterile, che lavora 4.500 bottiglie all’ora, se si tratta di vini fermi, e 2.500 bottiglie all’ora nel caso di spumanti. A fine linea è stato inserito un pallettizzatore automatico. L’investimento è stato di 1 milione di euro circa, supportato da un contributo del Psr, che rende più efficiente l’azienda e migliora la qualità del lavoro dei nostri collaboratori». Quindi, monsignor Mauro Belletti, che affianca i sacerdoti nel servizio pastorale a Cormons, Borgnano, Brazzano e Dolegna del Collio, ha benedetto l’innovativa attrezzatura. Un valore aggiunto in cantina, cui precede un importante lavoro in vigneto, con l’attenta selezione delle uve, effettuata con la supervisione del nuovo consulente Alessandro Zanutta.

La cooperativa vitivinicola.

—^—

In copertina, il presidente Bregant e il direttore Dal Zovo brindano al buon momento della Cantina di Cormòns.

Hits: 123

, , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts