Continuano a crescere le Città del Vino del Friuli Venezia Giulia, avvicinandosi alla trentina. Il Comune di Sesto al Reghena entra, infatti, a far parte dell’Associazione nazionale che dal 1987 promuove un lavoro di rete tra tutte quelle località che hanno nel comparto vitivinicolo una parte importante del proprio tessuto sociale ed economico. In Fvg, con l’ingresso dell’amministrazione sestense, salgono così a 28 i Comuni aderenti, ai quali si aggiungono 4 Pro Loco. Per celebrare l’entrata del borgo della storica Abbazia tra le sue aderenti, il Coordinamento del Friuli Venezia Giulia delle Città del Vino ha scelto di tenervi la prossima assemblea regionale, sabato 22 gennaio, trovando l’entusiastica adesione alla sua proposta del sindaco Marcello Del Zotto. La riunione si terrà all’auditorium Burovich e sarà presente nell’occasione anche l’ormai ex presidente nazionale, il coneglianese Floriano Zambon, che come è noto in novembre ha passato il testimone al chietino Angelo Radica.

Il sindaco Marcello Del Zotto.


«L’entrata tra le Città del Vino – ha commentato Del Zotto – valorizzerà ulteriormente la particolare vocazione agricola e vitivinicola del nostro territorio comunale, che rientra in ben due zone Doc, quelle delle Grave e del Lison Pramaggiore. La presenza della Cantina di Ramuscello, terza in regione per dimensione e attenta alle finalità sociali e ambientali della sua produzione, della storica Sagra del Vino del mese di marzo, sempre a Ramuscello, e della sede capitolare della Confraternita della Vite e del Vino del Veneto Orientale e del Friuli Venezia Giulia, istituto che valorizza i vini tipici, sono le altre preziose peculiarità della nostra realtà. Assieme alle Città del Vino, già a partire dall’assemblea regionale, vogliamo instaurare un proficuo rapporto di collaborazione, anche nel quadro della promozione dell’enoturismo e della viticoltura sostenibile».

Il coordinatore Cdv Tiziano Venturini.


«Siamo lieti – gli ha fatto eco il coordinatore regionale delle Città del Vino, Tiziano Venturini, assessore alle attività produttive e turismo del Comune di Buttrio e membro della giunta nazionale dell’associazione – di accogliere Sesto al Reghena nella nostra “famiglia”. Con l’amministrazione sestense ampliamo la rete nella Destra Tagliamento, dove ci sono già i Comuni di Casarsa della Delizia, San Giorgio della Richinvelda e Sequals, oltre alla Pro Loco casarsese. Con l’entrata di Sesto al Reghena, e quella contestuale di Mariano del Friuli, consolidiamo i nostri numeri, che vedono ora presenti nel territorio vitato delle nostre Città tutte le Denominazioni d’origine controllata della regione e l’11% della popolazione del Friuli Venezia Giulia, con circa 130 mila abitanti. Il tutto in un anno speciale come questo 2022 appena iniziato, in cui proprio la regione, grazie al Comune di Duino Aurisina – Devin Nabrežina scelto come “Città Italiana del Vino”, sarà al centro dell’attenzione di tutto il comparto enoturistico nazionale».
I lavori dell’assemblea, aperti agli amministratori dei Comuni e Pro Loco aderenti, vedranno nell’ordine del giorno proprio la consegna ufficiale della bandiera delle Città del Vino al sindaco Marcello Del Zotto e alla sua amministrazione comunale.

I Comuni aderenti alle Città del Vino in regione sono 28: Aquileia, Bertiolo, Buttrio, Camino al Tagliamento, Capriva del Friuli, Casarsa della Delizia, Chiopris Viscone, Cividale del Friuli, Cormons, Corno di Rosazzo, Dolegna dl Collio, Duino Aurisina – Devin Nabrežina, Gorizia, Gradisca D’Isonzo, Latisana, Manzano, Mariano del Friuli, Moraro, Nimis, Palazzolo dello Stella, Povoletto, Premariacco, Prepotto, San Giorgio della Richinvelda, Sequals, Sesto al Reghena, Trivignano Udinese, Torreano. Aderiscono anche quattro Pro Loco: Casarsa della Delizia, Buri Buttrio, Mitreo Duino Aurisina e Risorgive Medio Friuli Bertiolo.

—^—

In copertina, il Castello e la torre abbaziale, due simboli storici della “Città” di Sesto al Reghena.

 

Hits: 195

, , , , , , , , , ,