di Giovanni Oliviero Panzetta*

Nelle scorse settimane, televisioni, web e giornali sono stati inondati dalle notizie sconcertanti che riguardano gli ultimi provvedimenti che la Comunità Europea vorrebbe far approvare dagli Stati membri in campo alimentare: l’etichetta “Nutriscore” con le indicazioni di appropriatezza nutrizionale per gli alimenti confezionati e il vino senza alcol. Oggi ci occuperemo proprio di quest’ultima questione.
In premessa, vale la pena di ricordare la lamentela che gli addetti ai lavori cominciano a fare, con qualche buona ragione, verso le iniziative della Comunità Europea in campo alimentare: da ente facilitatore del commercio tra le Nazioni aderenti e con l’Estero, la Comunità sta trasformandosi in ente regolatore delle politiche di produzione degli alimenti per motivi che non hanno più a che vedere con l’economia. Gli ultimi progetti hanno, infatti, lo scopo di orientare le scelte nutrizionali dei cittadini per motivi di salvaguardia della salute e per esigenze di carattere etnico e religioso.
In particolare, il vino dealcolato dovrebbe servire per ridurre i danni causati dall’alcol (compreso il rischio di tumori per il quale sarebbero pronte le famose scritte sulle bottiglie “nuoce gravemente alla salute e causa il cancro”) e dovrebbe essere utilizzato per dare anche ai musulmani la possibilità di bere il vino, visto che il loro credo religioso vieta l’assunzione di alcol.
I primi esperimenti di dealcolazione del vino (o dealcolizzazione, se si preferisce) risalgono a diversi anni orsono quando venivano usati macchinari che, filtrando i mosti, rimuovevano l’alcol assieme all’acqua in cui l’alcol è disciolto. E’ evidente che, per evitare la riduzione del volume dei mosti a causa della rimozione dell’acqua, si dovesse poi procedere all’aggiunta di acqua pura dall’esterno. Oggi le macchine tolgono solo l’alcol perché immettono acqua in automatico durante il processo o provvedono all’eliminazione dell’alcol con l’evaporazione “a freddo” senza estrarre l’acqua dal mosto o dal vino.
Nel corso dei negoziati di Bruxelles per definire la nuova Pac (Politica agricola comune), che disporrà di un finanziamento miliardario per sostenere soprattutto il “Green Deal” per la protezione dell’ambiente e la lotta al cambiamento climatico, il Consiglio dell’Unione Europea ha inserito la richiesta agli Stati membri di giungere entro il 2023 alla specifica regolamentazione della dealcolazione del vino. Nel documento, si leggerebbe della possibilità di aggiungere acqua al vino, pratica che oggi è, invece, espressamente vietata in Europa.
In realtà, la locuzione inglese utilizzata nel documento è “to restore water” che significa “reintegrare l’acqua” nei vini dealcolizzati, evidentemente ove dovesse verificarsi una riduzione del volume degli stessi durante le procedure. Da questa frase è nato l’equivoco che si volesse abbassare il tasso alcolico del vino attraverso il suo annacquamento e conseguentemente la levata di scudi a difesa del vino non solo da parte degli addetti ai lavori, ma anche di tutta l’umanità amante del buon vino.
La reazione al putativo “sacrilegio” dell’aggiunta dell’acqua al vino ha rischiato persino di mettere in secondo piano l’oggetto del contendere, cioè la produzione di vino analcolico (pazienza, lo berrà chi vorrà berlo!) e, quel che è peggio, la dealcolazione anche dei vini di gran pregio come quelli con denominazione di origine controllata (Doc) e con indicazione geografica tipica (Igp). Il Consiglio Europeo ha giustificato la richiesta con il fatto che i prodotti “alcohol-free” possono rappresentare un’importante opportunità di mercato per il settore vitivinicolo dell’Ue (anche aprendo al bacino vergine del Medio oriente) e con la necessità di regolamentare un settore già attivo, ma privo di regole (i vini senza alcol sono prodotti e venduti ormai da alcune aziende).
E, in effetti, l’idea del vino analcolico, simile alla birra analcolica, non dispiace a tutti i referenti del settore vitivinicolo e potrebbe costituire una scelta ben accetta da parte di qualche produttore in ossequio alla modernità e al profitto. Ciò non toglie che la richiesta di produrre vini analcolici partendo da vini Doc e Igt gridi vendetta al cospetto della tradizione, del buon gusto e soprattutto del buon senso.
Sono contrari la maggior parte dei produttori italiani, francesi e tedeschi, ma non si può dire altrettanto dei loro rappresentanti politici in seno all’UE, naturalmente con l’eccezione di quelli italiani. La proposta è sostenuta senza remore dai Paesi del Nord Europa che hanno a cuore soprattutto i severi effetti dell’eccesso di alcol assunto dai loro cittadini e non possono vantare tradizione e cultura del vino.
Il parlamentare europeo Paolo De Castro – già ministro dell’Agricoltura italiana – ha spiegato a “Wine News” che la Commissione agricoltura del Parlamento europeo ha difeso la sua posizione che prevede la dealcolazione solo dei vini cosiddetti da tavola, ma che il Consiglio Europeo sembra ugualmente determinato a far approvare la dealcolazione anche dei vini pregiati. Pochi giorni fa anche il nostro titolare delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, ha dovuto confermare nella sua audizione al Senato che questo è l’orientamento del Consiglio europeo, nonostante gli sforzi contrari che l’Italia, quasi da sola, continua a compiere.
E’ palese che spinte di natura commerciale, il proposito di salvaguardare a tutti i costi la salute dei cittadini e il desiderio di favorire il godimento del vino anche da parte del mondo islamico possano fare agio sopra le ragioni del buon gusto e del buon senso. E’ chiaro che, se anche si giungesse all’approvazione della proposta, nessuno potrebbe obbligare il nostro Paese a modificare le regole della produzione dei vini Doc e Igt per farceli produrre senza alcol.
Stando così le cose, potrebbero sembrare esagerate le proteste dei nostri rappresentanti di categoria e dei cronisti in difesa dei nostri vini pregiati, di cui si fornisce una breve rassegna.
• L’introduzione della dealcolazione parziale e totale è un inganno legalizzato, un rischio ed un precedente pericolosissimo
• Ciascuno può produrre quel che vuole, basta che non lo chiami vino
• No a procedimenti che stravolgerebbero le caratteristiche organolettiche e comprometterebbero il legame con il territorio che è una delle caratteristiche distintive delle nostre produzioni
• Sull’onda di politiche sempre più indirizzate al salutismo, l’Europa sta in ogni caso cercando di scoraggiare il consumo delle bevande alcoliche.
• Che fine farebbe il nostro patrimonio di Docg, Doc, Igt? Difendiamo tutte le denominazioni che fanno grande il Made in Italy e che tutto il mondo ci invidia
Si teme fondamentalmente il pregiudizio che una simile iniziativa potrebbe arrecare al nostro commercio del vino che ormai è primo al mondo e vale la ragguardevole cifra di oltre 6.000 miliardi di euro all’anno.
Secondo il mio parere, il rischio di dover arrivare alla dealcolazione dei nostri vini Doc e Igt non è affatto teorico, anche se nessuno ci obbligherà a farlo. Quando in commercio si troverà uno Chateau Roques Mauriac o un Alvaro Palacios analcolico, è difficile credere che non ci sarà anche un Brunello di Montalcino o un Barolo analcolico (due bottiglie chiaramente indicate “a caso”). Abbandonando per un momento gli aspetti merceologici del vino per entrare in quelli antropologici (leggi: natura, uomo, ingegno, cuore, fatica, piacere, etc.), temo che agli amanti del vino potrebbe accadere di soffrire molto in un futuro prossimo. Si accettano scongiuri!
*Vicepresidente Associazione Salute e Sanità Trieste (Asst)

Impianto per trattare il vino.

Hits: 106

, , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento