In ritardo di circa una settimana, è scattato ieri, 30 agosto, il via alla vendemmia nei vigneti dei soci della Cantina La Delizia Viticoltori Friulani: quantità in leggera flessione, ma con qualità su appaganti livelli. La storica Cantina di Casarsa, che riunisce oltre 400 viticoltori soci per una superficie di 2000 ettari vitati, è tra le maggiori realtà vitivinicole del Friuli Venezia Giulia tra i vini fermi e spumanti, nonché tra le prime 9 in Italia per la produzione di Prosecco Doc. Come annunciato dal direttore Mirko Bellini, l’andamento climatico comporterà un leggero calo di qualche punto percentuale nella quantità rispetto allo scorso anno, ma con una riconferma della qualità. Il tutto attraverso una filiera produttiva che punta alla sostenibilità e con mercati che attendono con interesse, sia nella Grande distribuzione che nell’Horeca, i nuovi vini La Delizia. Si è partiti con la raccolta del Pinot grigio per proseguire poi con il Glera-Prosecco: le due varietà principali che quest’anno si sormonteranno per qualche giorno nella vendemmia, la quale in tutto durerà circa un mese.

Mirko Bellini

PREVISIONI – «Una vendemmia 2021 – aggiunge Bellini – che parte sotto buoni auspici, caratterizzata da quello che oramai è l’andamento cluonimatico degli ultimi anni: primavere inizialmente asciutte, seguite da un periodo piovoso e da estati calde, mentre in questi ultimi giorni le temperature si stanno abbassando. Come inizio della vendemmia siamo in ritardo rispetto agli scorsi anni di circa una settimana, con un settembre che si preannuncia soleggiato ma fresco. Annata non particolarmente ricca nelle quantità di uva, ma fortunatamente non abbiamo avuto grossi problemi con la grandine. La qualità la stiamo andando ad analizzare e i primi campioni ci confermano un prodotto in linea con i nostri standard qualitativi. Facendo un’analisi del bilancio climatico, uno degli elementi fondamentali per il futuro sarà la gestione dell’acqua, ovvero la possibilità di irrigare non solo nei mesi estivi ma anche a inizio primavera, fattore che quest’anno ci ha comportato un ritardo nel germogliamento».

SOSTENIBILITÀ – «Sostenibilità – sottolinea il direttore – in tutta la filiera vuol dire un nuovo metodo di lavoro su tre aspetti: ambiente, società ed economia. Infatti, l’aspetto economico è fondamentale, con il giusto prezzo di pagamento delle uve prima e delle bottiglie poi, per rendere possibili le altre due dimensioni, quella ambientale e sociale. La sostenibilità è già ora l’elemento principale del nostro futuro: fare agricoltura oggi vuol dire in primis gestire il territorio, salvaguardando l’importanza di un comparto che negli scorsi anni era stato visto solo come un elemento da sfruttare».

MERCATI – «I mercati si stanno riprendendo, la pandemia ha condizionato tutto il 2021 ma, nonostante sia stato segnato dall’emergenza sanitaria, abbiamo chiuso il nostro bilancio con segno positivo. Inoltre, negli ultimi tre mesi c’è stata una ripresa importante dei mercati Italia ed Estero. Noi avendo suddiviso i canali distributivi tra Grande distribuzione e Horeca abbiamo lavorato bene. Ma la bolla speculativa sulle materie prime in questo momento è molto forte e nel confezionamento del prodotto inizia a farsi sentire: acciaio, plastica e legno hanno anche incrementi di prezzo del 100-150%, troppo alti perché un sistema economico, non solo noi ma tutte le aziende del comparto, li possa sostenere a lungo. Fortuna che l’estate è andata bene anche nel settore Horeca, con i ristoratori che hanno ripreso a lavorare e hanno trovato risposte pronte nei nostri agenti, i quali credono nella nostra linea. Un grande segnale di speranza e di crescita per il futuro».

—^—

In copertina e qui sopra i primi grappoli raccolti ieri a Casarsa.

Hits: 152

, , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento