(g.l.) A Casarsa della Delizia, dopo un anno di stop, torna la principale delle sue manifestazioni: la Sagra del Vino, giunta alla 73ª edizione. Ma non sarà collocata nel tradizionale periodo di maggio, bensì “spalmata” su tutta l’estate – motivi di sicurezza sanitaria, ovviamente -, riproponendo anche l’ormai collaudata rassegna spumantistica regionale Filari di Bolle. Ma andiamo con ordine.
Nonostante le difficoltà causate dall’epidemia da Covid-19, che hanno creato grossi problemi al mondo delle associazioni italiane, la Pro Loco – dal 2017 iscritta all’albo regionale di promozione sociale (Aps) e da quest’anno al Registro Unico Nazionale del Terzo settore (come previsto dalla specifica riforma) – ha chiuso, nonostante il forte ridimensionamento di eventi rinviati o annullati, il bilancio consuntivo 2020 con un piccolo utile. Un risultato eccezionale, approvato all’unanimità dall’assemblea dei soci riunitasi in modalità online, che condurrà verso l’assemblea elettiva in programma a giugno. Dato questo appuntamento imminente, dal sodalizio arriva l’invito a chi voglia tesserarsi per impegnarsi in progetti a sostegno del tessuto sociale paesano, a partire dall’organizzazione della tradizionale Sagra del Vino spostata in via eccezionale in estate (presentata la nuova grafica dedicata) e che vedrà anche la celebrazione dei 40 anni dalla costituzione della Pro Loco.

Antonio Tesolin e Lavinia Clarotto.

«Sagra del Vino – ha ricordato il presidente Antonio Tesolin – che, lo ricordiamo, causa emergenza sanitaria non abbiamo potuto svolgere nella primavera 2020: si tratta dell’evento principale nel nostro calendario annuale, anche per quanto riguarda le entrate che garantisce. Nonostante le risorse economiche in forte diminuzione, grazie ai risparmi interni, sia tecnici che sul personale e con una serie di nuovi progetti che seguiamo in prima persona a livello operativo, quale il Psr Pais di rustic amour, siamo riusciti a chiudere il bilancio in territorio positivo e per chi vorrà approfondire troverà i documenti relativi sul sito della associazione. Ha contribuito anche la riuscita edizione estiva della Selezione regionale di spumanti Filari di Bolle, che non abbiamo annullato». Il valore della Pro Casarsa per la comunità è stato rimarcato anche dal sindaco Lavinia Clarotto, in collegamento assieme ai soci.

Ora spazio all’assemblea elettiva e alla successiva Sagra del Vino (organizzata con Comune e Viticoltori Friulani La Delizia con il supporto di enti e sponsor), appunto, estiva in modalità diffusa, con al suo interno Filari di Bolle 2021: presentata la nuova grafica della manifestazione (che recita come filo conduttore il fatto che l’estate sarà a misura della comunità, famiglie e persone sempre puntando alla sicurezza) e lanciato un appello a chi vuole avvicinarsi al sodalizio casarsese con il tesseramento e la candidatura al prossimo consiglio direttivo.
«Siamo felici – ha concluso Tesolin – di aprici a chiunque voglia mettersi in gioco: servono nuovi volontari, tanto più che quest’anno la Sagra del Vino, in via eccezionale data la situazione sanitaria, sarà estiva e durerà con vari eventi fino a settembre. Alla Pro Loco abbiamo sempre bisogno di nuove idee ed energie. Ognuno di noi, infatti, può fare la differenza per la nostra realtà comunale e resto a disposizione per chi vorrà contattarmi».
Nella sede dell’associazione, in via Zatti, sarà possibile ricevere tutte le informazioni e tesserarsi alla Pro Loco contattando la segreteria (Whatsapp 3387874972 – e-mail segreteria@procasarsa.org) prenotando il proprio accesso tramite appuntamento. Sono oltre 500 i tesserati nell’ultimo triennio, che si coordinano in diversi gruppi, con mansioni e compiti specializzati. Inoltre vi sono i volontari del Servizio Civile Universale che stanno portando avanti un progetto di valorizzazione culturale del territorio.

—^—

In copertina, la rassegna Filari di Bolle che torna a Casarsa con la rinomata Sagra del Vino.

Hits: 957

Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento