di Giuseppe Longo

Ormai si sente sempre più parlare, e si legge, di genoma della vite e di viti resistenti, vale a dire quelle che consentono, proprio perché hanno una “marcia in più”, di ridurre drasticamente il numero  dei trattamenti anticrittogamici, a beneficio non solo dell’ambiente, ma anche delle tasche dei vignaioli. E le prime varietà, appunto resistenti, dopo anni di impegnativi e appassionati studi e ricerche, sono state create in Friuli Venezia Giulia grazie a un’intesa fra l’Università di Udine e i Vivai cooperativi di Rauscedo, leader a livello mondiale nella produzione di barbatelle. Le viti così ottenute sono state messe a dimora con profitto, tanto da consentire anche le prime produzioni di uva e quindi dei primi vini che hanno riscontrato gli apprezzamenti non solo di esperti e tecnici degustatori ma anche di semplici consumatori o comunque enoturisti, come coloro che ieri e sabato hanno partecipato, molto numerosi, a Cantine Aperte a San Martino.
Oggi, ricorrendo la festa dedicata al Vescovo di Tours, Dolegna del Collio celebra tradizionalmente la sua Giornata del Ringraziamento, che è diventata un evento “classico” nella nostra regione. Anche perché da tanti anni si assegnano due prestigiosi riconoscimenti, il Falcetto d’Oro e la Foglia d’Oro, istituiti rispettivamente dalla locale sezione Coldiretti e dal Comune collinare, con il sostegno di Civibank, istituto sempre sensibile alle esigenze del mondo agricolo. La consegna dei Premi avverrà al termine della Messa che sarà celebrata alle 11 nella Chiesa parrocchiale di San Giuseppe.

E proprio su questo sito – riservato alla vite e al vino – siamo felici di poter anticipare, già prima della cerimonia, chi sarà il destinatario del Falcetto d’Oro 2019, svelandone il nome che finora è stato rigorosamente tenuto segreto. Si tratta del dottor Gabriele Di Gaspero, cividalese di Spessa, che opera al Centro di genomica di Udine, i cui studi hanno dato un importante apporto per la creazione proprio dei vitigni speciali. Questa la motivazione della giuria: “Con   grande impegno, passione e professionalità, dopo la Laurea in Scienze Agrarie all’Università di Udine (1999), ha operato nel campo alla ricerca e sperimentazione nel settore della genetica e fisiologia della vite, sia presso la stessa che importanti Istituti, in Italia ed all’estero. Il suo lavoro (2004-2015) ha contribuito alla creazione di “viti resistenti” alle principali avversità crittogamiche  (registrate nel 2015) e – fiero delle proprie radici contadine – e al benessere sia dell’ambiente che degli agricoltori e dei consumatori. Dal 2017 è una delle colonne del benemerito Istituto di Genomica Applicata (Iga) , Centro di sequenziamento del Dna , presso il Parco Scientifico Tecnologico Luigi Danieli di Udine”.

Dolegna del Collio, che nella vite e nel vino ha la massima espressione della sua agricoltura, vuole dunque sottolineare con questo Premio le importanti conquiste scientifiche ottenute, proprio in Friuli Venezia Giulia, a favore della vitivinicoltura, strategica nel settore primario anche per l’immagine di eccellenza che gli attribuisce, essendo sinonimo di grande qualità, soprattutto con i vini bianchi – e vanto di Dolegna è la Ribolla gialla -, apprezzata in tutto il mondo. Conquiste che consentiranno di superare nuove frontiere proprio in campo qualitativo, ma anche, come dicevamo, a difesa dell’ambiente, un problema al quale nessuno – e quindi anche quanti vivono e operano in campagna – può più sottrarsi al fine di consegnare alle nuove generazioni un pianeta ospitale e produttivo.

In copertina, Gabriele Di Gaspero che qui è con Michele Buiatti (Coldiretti) e Sergio Paroni (Civibank).

(Foto di Claudio Fabbro)

Hits: 289

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento