di Gi Elle

Giusta, giusta una parentesi di bel tempo – peraltro splendido – per consentire lo svolgimento di “Cantine Aperte a San Martino” e poi di nuovo pioggia. E quanta, purtroppo! Domenica scorsa, infatti, gli enoturisti hanno beneficiato di una giornata meravigliosa – da vera “estate” nel nome del Vescovo di Tours – per fare visita a qualcuna delle aziende partecipanti alla proposta autunnale del Movimento turismo del vino del Friuli Venezia Giulia. E sabato molti avevano partecipato a Nimis anche alla riuscitissima nuova edizione di “Oro di Ramandolo”, facendo segnare agli organizzatori un “tutto esaurito” che resterà negli annali della manifestazione dedicata al primo vino della nostra regione a essere contrassegnato con la Docg, il più prestigioso marchio di qualità.
La stagione delle degustazioni autunnali si è quindi aperta nel migliore dei modi: enoturisti e appassionati hanno, infatti, approfittato di “Cantine Aperte a San Martino” per vivere esperienze molto appaganti nei luoghi di produzione, assaporare rinomati prodotti tipici locali esaltati dai raffinati vini in abbinamento, conoscere appassionati vignaioli con i loro racconti sul vino e sull’indissolubile legame con il territorio.

La manifestazione, organizzata annualmente dal Movimento Turismo del Vino Fvg, presieduto da Elda Felluga, con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, ha visto la partecipazione di 37 aziende vitivinicole che, tra sabato e domenica, hanno accolto gli enoturisti facendo loro conoscere le nuove annate, le selezioni e le eccellenze della loro produzione.

“Cantine Aperte a San Martino” è stata l’occasione anche per celebrare il sempre apprezzato connubio tra vino e cibo con diverse modalità. Con l’iniziativa “A Tavola con il Vignaiolo”, i numerosi appassionati hanno apprezzato gli originali menù gourmet pensati per l’occasione, mentre con il “Piatto Cantine Aperte a San Martino” hanno assaporato delle pietanze create ad hoc per l’evento accompagnate sempre da un calice di vino. Oltre alle visite guidate, sono state molto apprezzate anche le numerose esperienze organizzate nelle cantine – dedicate alla natura, all’arte, alla storia e alle tradizioni – che hanno registrato una partecipazione entusiastica anche da parte di molti giovani. Si tratta, in definitiva, di un evento che sta riscuotendo un crescente successo e sta diventando sempre di più un appuntamento autunnale di richiamo per il turismo da fuori regione, particolarmente dall’Austria, dal Veneto e dall’Emilia Romagna, attratti anche dai suggestivi scorci di questa stagione.

Gli organizzatori ringraziano per la collaborazione i partner e gli sponsor tecnici di Cantine Aperte a San Martino: CiviBank, Del Torre, Acqua Dolomia, Juliagraf, Il Maggese / Novalis, Latteria di Venzone e Latte Carso, AsterCoop Madimer, Q.B. Quanto Basta, Università degli Studi di Udine e Vino e Sapori Fvg.

Per informazioni:
Movimento Turismo del Vino Friuli Venezia Giulia
Tel +39.0432.289540 – Cell. +39.348.0503700
info@mtvfriulivg.it – www.cantineaperte.info

—^—

In copertina e all’interno immagini di “Cantine Aperte a San Martino”. Infine, vini e grappe a “Oro di Ramandolo” sabato a Nimis.

Hits: 129

Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento