Il mercato internazionale del vino conferma l’affermazione del trend rosato grazie all’irresistibile fascino di questo colore simbolo di delicatezza e intensità, finezza e decisione, leggerezza e carattere. Il mondo del “vino rosa” è in espansione, sia nella domanda che nell’offerta. Per questo, anche la Doc delle Venezie (Friuli Venezia Giulia, Veneto e Trentino) procede oggi più che mai in questa direzione, valorizzando l’attitudine naturale di un vitigno – il Pinot grigio – che nel rosa affonda le sue radici. Da qui, la sua lunga tradizione di vinificazione in ramato o, secondo un più recente costume, in rosato.
La sfumatura rosea – e rosata – del Pinot grigio Doc veneto, friulano e trentino si impreziosisce quindi di ulteriore forza, affiancandosi al grande fenomeno del Prosecco Rosé. Due colonne portanti, complementari, quella del Pinot grigio delle Venezie, prevalentemente nella versione tranquilla, e quella del Prosecco Doc, lo spumante, che sorreggono la tradizione enologica ed il futuro del Nordest vitivinicolo, facendo squadra per offrire al consumatore le mille sfumature rosa del vino.
«Pinot grigio delle Venezie e Prosecco sono due pilastri della viticoltura regionale che possono valorizzarsi sinergicamente», afferma il presidente del Consorzio delle Venezie, Albino Armani. Che poi continua: «Si tratta di due denominazioni a disposizione di aziende fondamentalmente del medesimo territorio. Abbiamo da poco ottenuto la nostra prima e attesa modifica di disciplinare, utile a consentire ai produttori di poter finalmente indicare il termine in etichetta». Che sia il carattere piacevolmente floreale del primo o la bollicina spensierata del secondo, i vini del Triveneto oggi più che mai indossano il “rosa” con classe ed eleganza, trasformando una moda passeggera in un vero e proprio stile.

—^—

In copertina, ecco due calici di Pinot grigio in bianco e ramato, e qui sopra il Prosecco rosè.

Hits: 57

, , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento