Un anno importantissimo per le splendide colline di Conegliano e Valdobbiadene, famose per il Prosecco Docg: l’Unesco le ha infatti dichiarate solennemente Patrimonio mondiale dell’Umanità. Un motivo in più, dunque, per fare festa durante la premiazione degli studenti più virtuosi della Scuola Enologica e della Fondazione Its Academy, da parte della storica Carpenè Malvolti che ha consegnato loro, nella sede del Cirve – UniPd di Conegliano, le “Medaglie d’Oro Antonio Carpenè” e la Borsa di studio internazionale “Etilia Carpenè Larivera”, investendo così sul futuro delle nuove generazioni e creando un simbolico ponte tra passato e futuro del Territorio e dell’Impresa. Molte le Istituzioni presenti alla cerimonia – condotta da Camilla Nata, giornalista di Raiuno  – tra cui il sindaco di Conegliano Fabio Chies, la preside dell’Istituto Giovan Battista Cerletti Mariagrazia Morgan e la direttrice della Fondazione Its Academy Damiana Tervilli. A consegnare i riconoscimenti, la quinta generazione della Famiglia, Rosanna Carpenè, fortemente impegnata in prima persona nel consolidare lo storico rapporto di interazione tra Scuola ed Impresa.

Il busto di Antonio Carpenè alla Scuola Enologica di Conegliano.

“Essere ancora qui, dopo centodiciassette anni dalla prima Medaglia d’Oro intitolata al mio trisavolo Antonio Carpenè per celebrare l’eccellenza formativa – ha commentato Rosanna Carpenè – è la conferma di quanto il Fondatore dell’Impresa in primis, ma la Famiglia tutta, da sempre siano impegnati nello sviluppo del tessuto socio-economico del nostro territorio e parimenti nella promozione della formazione culturale delle nuove generazioni. Ogni anno con l’attribuzione di tale riconoscimento si celebra un’ulteriore tappa storica per la Scuola ed il Premio, nonché la figura di quell’uomo di scienza e cultura che ci ha ispirato nell’attività Imprenditoriale e che, con lo scopo di tramandare ai posteri le sue conoscenze alle generazioni future, ha fortemente voluto ed istituito la prima Scuola Enologica d’Italia nel 1876, assieme a Giovan Battista Cerletti. Esserci ogni anno a premiare l’eccellenza formativa, tema particolarmente caro a tutta la mia Famiglia, significa riconoscere alla formazione viticola-enologica il ruolo di motore imprescindibile per la valorizzazione delle risorse umane interagenti con il nostro Territorio”.

Gli studenti premiati sono coloro che hanno conseguito il titolo di studio con il massimo dei voti nell’anno scolastico del 150° Anniversario dalla Fondazione dell’attività d’Impresa della Carpenè Malvolti. Infatti, in virtù di una modifica intervenuta sui tempi del riconoscimento, per la Medaglia d’Oro Antonio Carpenè sono stati due i premi consegnati. Uno per l’anno scolastico 2017/2018, che è andato ad Alessia Giacomini, che ha frequentato il corso di Viticoltura ed Enologia conseguendo il diploma con la votazione di 100/100 con lode;  l’altro per l’anno scolastico 2018/2019 ha invece insignito Pietro Merotto, che ha frequentato il corso di Viticoltura ed Enologia ottenendo il diploma con la votazione di 100/100.
Contestualmente anche la Borsa di studio internazionale “Etilia Carpenè Larivera” ha avuto come riferimento temporale l’anno del 150° Anniversario dalla Fondazione dell’attività d’impresa ed entrambe hanno acquisito un significato doppiamente importante in quanto la loro consegna avviene nell’anno in cui, appunto, l’Unesco riconosce le colline di Conegliano e Valdobbiadene quale sito Patrimonio dell’Umanità. Riconoscimento destinato allo studente più virtuoso dell’Istituto Cerletti e della Fondazione Its Academy di Conegliano, che quest’anno risponde al nome di Gloria Feltrin, viene infatti data l’opportunità di essere proiettato in una prospettiva internazionale con un viaggio di studio all’estero, presso una Università ed un’Impresa, con l’obiettivo di approfondire le dinamiche economico-finanziarie inerenti al settore agroalimentare ed alla sostenibilità ambientale, quali fattori critici di successo sui mercati internazionali.

Un Premio, dunque, che intende esortare le nuove generazioni a studiare e tramandare la cultura enologica del Territorio anche in ambito internazionale. E’ stato infatti sulle fondamenta scientifiche poste dal Fondatore dell’Impresa Antonio Carpenè, che si sono costruiti i presupposti alla base del predetto riconoscimento. Con la sua lungimirante intuizione e la visione prospettica di valorizzazione di un ambiente inizialmente spoglio di vigneti ma da sempre ricco di tradizione vitivinicola, prima di chiunque altro ha intravisto in una migliore gestione delle coltivazioni e nella condivisone di valori culturali imprescindibili, la chiave di volta per lo sviluppo di questo Territorio. L’azione innovatrice e pionieristica di Antonio Carpenè condusse alla fondazione della prima Scuola Enologica d’Italia proprio a Conegliano ed il legame sussistente ancora oggi tra Impresa ed istituzione scolastica non fa che consolidare il riferimento ai valori fondanti delle origini e sottolineare l’attenzione della Famiglia al futuro delle nuove generazioni.

Ecco gli studenti premiati.

—^—

In copertina, le colline di Valdobbiadene Patrimonio dell’Umanità.

Hits: 43

, , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento