di Giuseppe Longo

Primo impegno ufficiale di rilievo oggi per il Ducato dei vini friulani a guida di Alessandro Salvin. Con una solenne cerimonia che si terrà con inizio alle 11 nella sala civica del municipio di Cormons, renderà infatti omaggio a Isi Benini (1924-1990), indimenticato giornalista e cantore del Friuli e delle sue eccellenze, nonché “anima” fin dalla nascita dello stesso Ducato. Nell’occasione, avverrà la consegna del Premio “Ricordo di Isi Benini” a Marco Simonit e Pierpaolo Sirch, i preparatori d’uva cormonesi noti a livello mondiale per la loro attività didattica riguardante la razionale potatura della vite. Dopo i saluti del duca Alessandro I e dell’emerito Loris II, interverranno il dottor Claudio Fabbro, agronomo, enologo e giornalista, e il professor Enrico Peterlunger, docente di Viticoltura all’Università di Udine.

Isi Benini

Il Ducato dei vini friulani, che si avvia alle celebrazioni per il suo cinquantesimo anniversario, da pochi mesi è dunque guidato Alessandro Salvin. Già segretario dello stesso Ducato, vicepresidente del Parco scientifico e tecnologico di Udine e amministratore della Cassa di risparmio del Friuli Venezia Giulia, era stato eletto in giugno assieme alla nuova Corte ducale dall’assemblea dei soci dello storico Sodalizio, fondato proprio da Isi Benini, riunita a Corno di Rosazzo. Della nuova compagine direttiva fanno parte Paolo Abramo Paolo, Pietro Biscontin, Gianni Bravo, Manuela D’Andrea, Mirella Della Valle, Arrigo De Pauli, Maurizio D’Osualdo, Filippo Facile, Mariaclara Forti, Rodolfo Rizzi e Fabiana Romanutti.
Significativi erano stati il discorso di saluto del duca uscente Loris II, Loris Basso, e il programma presentato dallo stesso Alessandro I, focalizzato sulla difesa della Ribolla gialla e degli altri vitigni autoctoni friulani e sul rapporto sempre più collaborativo con l’Ente Friuli nel Mondo e la Regione Friuli Venezia Giulia tramite Promoturismo Fvg. Quindi, valorizzazione e promozione del nostro territorio e della sua enogastronomia, oltre ai consueti appuntamenti con la celebre rassegna di “Asparagus”, che sarà presentata anche all’estero, le tradizionali Diete, il Premio appunto dedicato a Isi Benini e un iter didattico a favore dei soci che avrà come obiettivo tutto il ciclo della vitivinicoltura, oltre alla creazione di ulteriori Contee all’estero. Proseguiranno anche gli incontri riservati agli studenti universitari con il format Aperitivi guidati, educazione al bere consapevole, cui partecipano ogni volta oltre duecento studenti.
Dicevamo del mezzo secolo del Ducato dei vini friulani. Il sodalizio è nato infatti il 10 ottobre 1972 a Cividale. Dalla fondazione ad oggi, alla sua guida si sono succeduti Ottavio Valerio, Vittorio Marangone, Alfeo Mizzau, Emilio Del Gobbo, Noè Bertolin, Piero Villotta e infine Loris Basso. E ora via al nuovo corso affidato proprio ad Alessandro Salvin.

Pierpaolo Sirch e Marco Simonit.

—^—

In copertina, il nuovo duca Alessandro I che oggi presiede la cerimonia di Cormons.

 

Hits: 336

, , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento