(g.l.) Giù le mani dal vino! I pressanti appelli levatisi da tutta Italia – come pure dal Friuli Venezia Giulia – affinché non passasse la tanto temuta norma Ue, con cui si pretendeva di equiparare anche le etichette di qualità ai danni alla salute provocati dal fumo di tabacco, hanno infatti ottenuto l’effetto desiderato. Esulta la Coldiretti nazionale con il suo presidente, Ettore Prandini: «Il Parlamento europeo salva un settore che ha diecimila anni di storia e vale 12 miliardi di fatturato dei quali 7,1 miliardi di export e offre direttamente o indirettamente occupazione a 1,3 milioni di persone». Prandini coglie pertanto l’occasione per ringraziare i nostri parlamentari che si sono spesi in un lavoro di squadra appunto per una difesa compatta del vino italiano. E anche Tiziano Venturini, coordinatore delle Città del vino Fvg, è entusiasta della importante svolta al delicatissimo problema: «Bene, l’azione corale ha sortito il risultato atteso».

Ettore Prandini


«E’ stato respinto il tentativo di demonizzare il consumo di vino e birra – aggiunge Prandini, come informa Il Punto Coldiretti – attraverso allarmi salutistici in etichetta già adottati per le sigarette, l’aumento della tassazione e l’esclusione dalle politiche promozionali dell’Unione Europea, nell’ambito del Cancer plan proposto dalla Commissione Europea, come avevamo richiesto, insieme al consigliere delegato di Filiera Italia Luigi Scordamaglia, nella lettera scritta al commissario europeo per gli affari economici Paolo Gentiloni, al commissario all’agricoltura Janusz Wojciechowski, al ministro dell’agricoltura Stefano Patuanelli, agli europarlamentari italiani e ai leader dei principali partiti politici».
Il giusto impegno dell’Unione Europea per tutelare la salute dei cittadini non può tradursi – sottolinea infatti Coldiretti – in decisioni semplicistiche che rischiano di criminalizzare ingiustamente singoli prodotti indipendentemente dalle quantità consumate. L’equilibrio nutrizionale va ricercato tra i diversi cibi consumati nella dieta giornaliera e non certo condannando lo specifico prodotto. Si tratta peraltro di un orientamento incoerente con il sostegno accordato dal provvedimento alla Dieta Mediterranea, considerata un modello alimentare sano e benefico per la prevenzione di molte malattie, tra cui il cancro, ma che si fonda anche sul consumo equilibrato di tuti gli alimenti a partire dal bicchiere di vino ai pasti.
L’Italia è il primo produttore ed esportatore mondiale di vino con le bottiglie Made in Italy che sono destinate per circa il 70% a Docg, Doc e Igt, con 332 vini a denominazione di origine controllata (Doc), 76 vini a denominazione di origine controllata e garantita (Docg) e 118 vini a indicazione geografica tipica (Igt) riconosciuti in Italia e il restante 30% per i vini da tavola. Il consumo pro capite in Italia si attesta sui 33 litri all’anno con una sempre maggiore attenzione alla qualità, alla storia del vino, ai legami con i territori che spingono italiani e stranieri anche alla scoperta di cantine e aziende.

—^—

In copertina, un vino servito dal sommelier: immagine che rispecchia la indiscutibile qualità del Vigneto Italia.

Hits: 97

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts