di Giuseppe Longo

NIMIS – La bella giornata che si poteva apprezzare stamattina sul prato delle Pianelle – un vero peccato che, complice Coronavirus, non ci sia la “Sagre des Campanelis” che conta più di cinque secoli – mi ha riportato alla memoria una grande cerimonia che proprio qui, davanti al Santuario della Madonna, in questi giorni al centro di un Ottavario singolare, si tenne esattamente 53 anni fa, la prima domenica di settembre, in un pomeriggio caldo e pieno di luce. Il cardinale Ildebrando Antoniutti, indimenticato figlio di Nimis, celebrava il solenne rito della Incoronazione della Vergine e del Bambino. E tra la folla c’era anche un ospite speciale: Giacomo Ceschia, il più anziano del paese, spentosi nella primavera successiva alla soglia dei 105 anni. Che, proprio per la sua veneranda età, fu molto festeggiato, a cominciare dagli alti prelati fra i quali c’era anche l’arcivescovo di Udine, Giuseppe Zaffonato. Sindaco di Nimis era il farmacista Mario Pelizzo.


Veramente bello ed emozionante ricordare questo avvenimento, uno dei più significativi della storia del paese, che rivivo con nitidezza, come fosse oggi, meglio ancora se aiutato dalle preziose fotografie di Bruno Fabretti. E di quella storia di Nimis faceva parte a pieno diritto – come lo farà sempre – proprio Giacomo Ceschia, l’ideatore della celebre Grappa di Ramandolo e della sua mitica fiaschetta impagliata, prodotta in quella distilleria in riva al Cornappo che per primo aveva costruito in Friuli, appunto per non disperdere quel patrimonio di bontà che c’era nelle preziose vinacce di Verduzzo. Dalle quali era stato appena spremuto quel nettare candidato a dare un vino eccezionale e che da due decenni è protetto dalla Docg, la prima ad essere ottenuta nella nostra meravigliosa regione, terra di grandi vini. Un primato che si coniuga perfettamente con quello della distilleria Ceschia, appunto la più antica del Friuli perché fondata nel lontano 1886.
Un Giacomo Ceschia ancora giovanissimo – nacque nel 1863, al tramonto dei pochi decenni dell’Impero asburgico – aveva infatti ben presto intuito le potenzialità racchiuse in quelle bionde vinacce, che fra alcune settimane torneranno ad essere conferite in via Ugo Foscolo dai vignaioli del paese. E per distillarle girava di casa in casa – parlare di aziende, a quel tempo, sarebbe improprio! – con il suo piccolo e rudimentale alambicco, da lui stesso costruito e posto su un carretto. Ma di lì a poco il genio imprenditoriale lo avrebbe indotto a gettare le basi di una distilleria: allora, Nimis da appena vent’anni si era unita all’Italia. Su quel piccolo, iniziale opificio, s’innestò poi una progressiva crescita, non solo come strutture ma anche come produzione di qualità, che ricevette particolare impulso da Guido Barchiesi – fu anche sindaco di Nimis – che aveva sposato Maria Ceschia, figlia di Giacomo, e la cui azione si andò intensificando man mano avanzava l’età di “Min di Cescjs”. Quindi, l’inserimento dei figli che ne hanno continuato l’attività nel ricordo del grande nonno. Ma nell’azienda si è registrato un eccezionale salto di qualità in seguito al suo ingresso nel Gruppo Molinari, la storica azienda di Civitavecchia nota in tutto il mondo per la Sambuca e che, tra i suoi prodotti, da quasi una decina d’anni vanta proprio i distillati di Nimis.


Quella piccola e modesta distilleria fondata da Giacomo Ceschia oggi è soltanto un ricordo, ma neanche tanto sbiadito perché da quell’intuito di 134 anni fa si è arrivati al moderno stabilimento che fa piacere visitare, già dal curatissimo show room che accoglie gli ospiti, prima di passare nei vari reparti produttivi, degli alambicchi e delle colonne di raffreddamento in rame, delle barriques di invecchiamento in legni pregiati fino al reparto di imbottigliamento. Dal quale non esce solo la già citata Grappa di Ramandolo anche nella formula stravecchia, ma anche la ottima Nemas, lanciata proprio in occasione del centenario della distilleria e dedicata all’antico nome (probabilmente di origine celtica) del paese, oltre a numerosi distillati di frutta. Una produzione d’eccellenza che coniuga tradizione e saperi antichi con le più moderne concezioni, rendendo onore a Giacomo Ceschia che proprio questi giorni della sentita tradizione settembrina sul prato delle Pianelle mi hanno suggerito di ricordare. Perché anche lui ha contribuito, e molto, a valorizzare il nome della sua amata Nimis.

—^—

In copertina, Giacomo Ceschia con il cardinale Ildebrando Antoniutti a Madonna delle Pianelle; all’interno, un’altra bella foto di quella grande festa del 1967, il distillatore con l’inseparabile toscano e  nella vecchia azienda in riva al torrente Cornappo.

(Le immagini sono tratte dal volume “Nimis un calvario nei secoli” del cavalier Bruno Fabretti)

Hits: 966

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento