(g.l.) Pigiadiraspatrici, torchi, presse, impianti per la refrigerazione dei mosti in caso di vendemmia troppo “calda” o per il mantenimento in cantina di temperature controllate, soprattutto nella produzione spumantistica. Macchinari e attrezzature che, é noto, assorbono tutti una consistente quantità di energia elettrica, il cui costo è sicuramente più leggero se questa è autoprodotta, mediante un moderno impianto fotovoltaico. Come ha fatto, con un ottimo riscontro economico, Paolo Rodaro a Spessa di Cividale, già dieci anni fa. Tanto data infatti l’operatività del suo impianto che è il più grande parco fotovoltaico realizzato in Friuli Venezia Giulia da un’azienda agricola: era il maggio del 2011 quando l’impianto che produce 928,41 kw all’anno veniva collegato alla rete elettrica. Un mese prima ci fu l’inaugurazione alla quale intervenne il presidente dell’Autority per l’energia, il friulano Alessandro Ortis.

Paolo Rodaro illustra l’impianto.


Per ricordare l’importante anniversario, si sono ritrovati tutti gli artefici di questa realizzazione nella sede della famosa azienda vitivinicola dei Colli orientali del Friuli, fondata nel lontano 1846. Rodaro ha voluto, nella circostanza, fare il punto su questa struttura innovativa dal grande valore economico: «Spesso – ha detto il vignaiolo – assistiamo all’intervento di industriali nel settore agricolo e vitivinicolo, in particolare; raramente accade, invece, che un imprenditore agricolo avvii un’attività industriale».
Realizzato prevalentemente a terra, circondato perimetralmente dalla piantumazione di specie arboree autoctone come il carpino bianco, l’impianto denominato “Picolit solar” interessa una superficie di circa 2 ettari tra Spessa e Premariacco, accanto alla sede aziendale di via Cormons, e ha comportato un investimento di oltre 2 milioni di euro. Ad assistere l’azienda nel piano finanziario era stata la Banca di Cividale, leader in regione nel finanziamento dell’energia pulita, mentre sul piano tecnico l’opera era stata seguita dallo studio dell’ingegner Raffaele Basso, di Tolmezzo.
Il fotovoltaico produce l’energia elettrica necessaria al funzionamento sostenibile dei processi di produzione e stoccaggio della cantina e rappresenta una considerevole integrazione al reddito della casa vitinicola di Paolo Rodaro che in questo lungo periodo di pandemia si è rivelata particolarmente preziosa. Tra i programmi innovativi dell’azienda cividalese, da qualche anno, è stata intrapresa la produzione di spumante classico “pas dosé” che ha riscosso un’ottima accoglienza da parte del mercato di settore, tanto che l’imprenditore si è attrezzato per raggiungere nel breve periodo il traguardo delle 100 mila bottiglie che riposeranno per il lungo affinamento sui lieviti in stanze a temperatura controllata, alimentate, come si diceva, esclusivamente dall’energia pulita prodotta dall’impianto. Quello che ha, appunto, appena compiuto dieci anni.

I pannelli fotovoltaici.

—^—

In copertina, uno scorcio dei vigneti di Paolo Rodaro sui Colli orientali del Friuli a Spessa di Cividale.

Hits: 174

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento