(g.l.) Duino Aurisina è stata, dunque, “incoronata” Città del Vino 2022. E così la piccola ma grande Doc Carso – terra che esprime vini straordinari come Malvasia e Terrano – nel prossimo anno salirà sulla scena nazionale. Assieme a tutto il Friuli Venezia Giulia, il cui Coordinamento è stato protagonista alla Convention d’autunno – Assemblea nazionale dell’Associazione delle Città del Vino, che si è appena riunita a Barolo, in Piemonte. Infatti, non solo c’è stato il passaggio di consegne tra il famoso centro delle Langhe e il Comune di Duino Aurisina – Devin Nabrežina quale, appunto, Città Italiana del Vino 2022, ma sono pure state ufficializzate delle prestigiose nomine all’interno del nuovo Consiglio nazionale – oggi presieduto dall’abruzzese Angelo Radica – e nel gruppo degli Ambasciatori del Vino.

Francesco Marangon “ambasciatore”.

Il titolo di Ambasciatore è assegnato dalle Città del Vino a quelle personalità che si distinguono nell’attività dell’Associazione e nella promozione del proprio territorio vinicolo: a Barolo è stato insignito dell’importante onorificenza il professore dell’Università di Udine Francesco Marangon, docente di Economia ambientale al Corso di Laurea di Economia e Commercio e  di Economia ed Estimo Ambientale al Corso di Laurea in Scienze per l’ambiente e la natura, nonché coordinatore del Comitato tecnico scientifico italiano per la candidatura a Patrimonio mondiale Unesco Collio-Brda-Cuei. “Da anni a fianco del Coordinamento delle Cittá del Vino del Friuli Venezia Giulia – si legge nella motivazione alla nomina – per la promozione e la valorizzazione dei territori vitati. Enoturismo, paesaggio, sostenibilità ed economia circolare sono i temi cari al professor Francesco Marangon e che, grazie alla sua grande passione e competenza, sono diventati patrimonio e terreno di confronto con le Cittá del Vino”.

Angelo Radica neo-presidente.

A Barolo l’associazione ha anche tributato omaggio al presidente nazionale uscente Floriano Zambon, grande amico della nostra regione dove è stato frequentemente ospite delle iniziative delle Città del Vino Fvg. Come detto, le elezioni hanno visto nuovo presidente Angelo Radica, sindaco di Tollo, in provincia di Chieti. Nel nuovo consiglio nazionale che lo supporterà ci sono due esponenti del Friuli Venezia Giulia: il coordinatore regionale Tiziano Venturini, assessore alle attività produttive e turismo del Comune di Buttrio (riconfermato), e Maurizio D’Osualdo vicesindaco di Corno di Rosazzo e vicecoordinatore regionale (nuovo consigliere).
«Un fine settimana davvero intenso – ha commentato Venturini – in cui l’affiatato gruppo regionale, che consta di 26 Comuni e 4 Pro Loco, si è sentito pienamente parte della grande famiglia italiana delle Città del Vino. La meritata nomina del professor Marangon quale Ambasciatore e l’entrata in consiglio nazionale di due esponenti regionali permette al Friuli Venezia Giulia di mettere a frutto il suo impegno ora che si avvicina il grande appuntamento della Città Italiana del Vino 2022 Duino Aurisina – Devin Nabrežina».

Il nuovo consiglio nazionale.

Ricordiamo che i Comuni aderenti alle Città del Vino in regione sono 26: Aquileia, Bertiolo, Buttrio, Camino al Tagliamento, Capriva del Friuli, Casarsa della Delizia, Chiopris Viscone, Cividale del Friuli, Cormons, Corno di Rosazzo, Dolegna dl Collio, Duino Aurisina – Devin Nabrežina, Gorizia, Gradisca D’Isonzo, Latisana, Manzano, Moraro, Nimis, Palazzolo dello Stella, Povoletto, Premariacco, Prepotto, San Giorgio della Richinvelda, Sequals, Trivignano Udinese, Torreano. Nel loro territorio sono presenti tutte le Denominazioni d’origine controllata della regione Friuli Venezia Giulia e vi risiedono circa 130.000 abitanti (pari al 11% dell’intera popolazione Fvg). Aderiscono anche quattro Pro Loco: Casarsa della Delizia, Buri Buttrio, Mitreo Duino Aurisina e Risorgive Medio Friuli Bertiolo.

—^—

In copertina, il gruppo Fvg delle Città del Vino alla Convention di Barolo in Piemonte.

 

Hits: 178

, , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts