di Gi Elle

Un’affascinante escursione tra i vigneti in pieno rigoglio vegetativo, ma non solo, del Collio, che, come è noto, sono protetti dalla denominazione di origine controllata, la prima concessa oltre mezzo secolo fa alla nostra regione. E’ quella che potranno compiere domenica 30 giugno i partecipanti alla gita “Tra il Carso e il Collio… Una finestra aperta sui paesaggi culturali e naturalistici della Venezia Giulia”, organizzata dall’Associazione Circoli Sardi in Fvg, circolo di Trieste. Il ritrovo è fissato alle 8 in piazza Oberdan. Prima tappa a Duino per la visita, con un esperto, alla grotta del “Mitreo” sulle pendici del monte Ermada. Poi si prosegue alla volta di Gorizia per la visita al palazzo Coronini Cronberg. Il pranzo e la degustazione di vini Doc seguirà sulle alture del Collio, ospiti di un agriturismo immerso tra vigneti e campi coltivati. Dopo il pranzo rientro verso Duino con visita della chiesa di San Giovanni in Tuba e passeggiata alle Foci del Timavo.

Eccoci, dunque, sul Collio. E’ una terra di frontiera – che continua nel territorio sloveno con il nome di Brda – colma di fascino e grande energia, la “cucina” molto saporita riflette gli influssi mitteleuropei di impronta ungherese, ebraica, slovena, austriaca e italiana. Il suolo del Collio è di origine oceanica e nasconde minuscoli fossili che donano alle viti nutrimento e minerali specifici. E’ per questo che i vini del Collio hanno un’impronta di mineralità e salinità che li rende unici. Durante la sosta è prevista una degustazione di vini, con il pranzo a base di prodotti biologici e della tradizione. Ricordiamo che sia il Collio italiano che quello sloveno aspirano a ottenere il riconoscimento Unesco di Patrimonio mondiale dell’Umanità, proprio per le bellezze naturalistiche di entrambi i comprensori viticoli.

Ma, come dicevamo, sono previste anche altre interessanti visite, in aggiunta appunto all’uscita su Collio. Il “Mitreo di Duino” è una cavità naturale dove si praticava il culto del dio Mitra diffuso nel mondo romano dalla fine del I secolo sino all’affermazione del Cristianesimo. La grotta, frequentata già dal Neolitico, è tutelata dalla Soprintendenza del Friuli Venezia Giulia. Il Mitraismo occidentale è l’evoluzione di un antico culto iranico che normalmente viene raffigurato con un giovane che sacrifica un toro in onore del dio Sole, scena questa che si è conservata ed è visibile all’interno della cavità. E‘ una visita straordinariamente interessante perché non sono molti i mitrei che si sono conservati nel corso dei secoli e questo di Duino rappresenta una rarità oltre che un prezioso segno che la storia di queste terre è in grado di regalarci.
Il palazzo Coronini Cronberg è invece una dimora storica goriziana risalente alla fine del Cinquecento. Passeggiando attraverso le diverse sale tra cui quella dove nel 1836 soggiornò e morì l’ultimo re di Francia Carlo X di Borbone, il visitatore è trasportato come per incanto indietro nel tempo grazie agli arredi cinque e seicenteschi del piano terra, ai suntuosi salotti settecenteschi, alle sale impero e agli ambienti ottocenteschi del piano nobile. Tra ricordi e cimeli di famiglia si possono ammirare opere d’arte di straordinario valore: tra cui dipinti attribuiti a Bernardo Strozzi e a Rubens e tele del goriziano Giuseppe Tominz, pittore di fama internazionale tuttora considerato il massimo ritrattista di area goriziano-triestina dell’Ottocento. La dimora è circondata da uno splendido parco all’inglese dove si scorgono reperti archeologici aquileiesi e piante rare e preziose tra cui frassini, tigli, cedri dell’Himalaya, palme, nespoli del Giappone, bamboo e una centenaria quercia da sughero.

L’ultima sosta è alle Foci del fiume Timavo. Sul Carso non c’è luogo più sacro e pieno di memorie come quello della “Fons Timavi”, tanto che Strabone, uno dei massimi geografi al tempo dell’Imperatore Ottaviano Augusto, definisce questo luogo “sorgente e madre del mare”. Leggenda e storia qui si fondono in un paesaggio delicato e misterioso, nei pressi corre ancora a tratti l’antica strada “Gemina” che collegava Aquileia a Tergeste. All’ombra di maestosi cipressi, pioppi e platani che proteggono la bianca chiesa paleocristiana di San Giovanni in Tuba si trovano le risorgive che fin dall’antichità diventano un importante luogo di culto. Il Timavo è anche il fiume più corto d’Italia, è fra i corsi d’acqua più misteriosi del mondo, ha due nomi e tre nazionalità. Nell’antichità segnava l’estremo limite orientale tra il mondo romano e le genti illiriche non ancora sottomesse all’impero.
Per ulteriori informazioni e prenotazioni anche domani, dalle 10.30 alle 12, al Circolo dei Sardi di Trieste – Via di Torrebianca, 41 cellulare 3405420214 – telefono fisso 040662012 e-mail sarditrieste@libero.it

—^—

In copertina e all’interno ecco tre suggestive immagini del Collio.

Hits: 24

, , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento