Al via il bando Isi-Agricoltura 2019/2020. L’Inail ricorda che fino al 25 gennaio prossimo le imprese possono accedere allo sportello informatico e iniziare la procedura di registrazione. L’inoltro della domanda, previsto per il 28 gennaio, potrà essere effettuato dopo aver completato correttamente la fase di registrazione.
Con questo intervento l’Istituto finanzia investimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro. L’obiettivo è di incentivare le micro e piccole imprese che operano nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli ad acquistare nuovi macchinari e attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, ridurre il livello di rumorosità e il rischio di infortuni.
Il budget disponibile è di 65 milioni di euro ripartito in 53 milioni per l’asse di finanziamento riservato alla generalità delle imprese agricole e in 12 milioni per l’asse riservato agli imprenditori giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria. Il finanziamento, in conto capitale, è calcolato sulle spese ritenute ammissibili al netto dell’iva nella misura del 40% per la generalità delle imprese agricole e del 50% per gli under 40. Il finanziamento massimo erogabile è di 60 mila euro, il minimo di mille.
Per ottenere l’aiuto l’azienda deve dimostrare il miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali attraverso una riduzione dei costi di produzione, la riconversione della produzione, migliori condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori. I finanziamenti sono riservati a microimprese e piccole imprese, operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli. I progetti ammessi sono quelli di acquisto o noleggio con patto di acquisto di trattori agricoli o forestali o di macchine agricoli e forestali. I contributi Inail relativi all’Avviso Isi-Agricoltura sono cumulabili con altri aiuti di Stato riguardanti diverse spese ammissibili individuabili; in relazione alle stesse spese ammissibili in tutto o in parte coincidenti il cumulo è ammesso se non comporta il superamento dell’intensità di aiuto pari al 40% dell’importo di spese ammissibili per i soggetti destinatari dell’Asse “generalità delle micro e piccole imprese agricole”, o al 50% dell’importo delle spese per i soggetti destinatari dell’Asse ”giovani agricoltori”.

Hits: 41

, , ,
Similar Posts
Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento