di Mariarosa Rigotti

Appena ieri si è celebrata la “Giornata mondiale dell’Ambiente”. E nell’ambito di questa importante manifestazione planetaria, che ha visto numerose iniziative di spessore anche nel Friuli Venezia Giulia, ne ricordiamo una organizzata pochi giorni fa pure a Campoformido e che ha avuto quale applauditissimo ospite il Dj Tubet, salito in “cattedra” fra gli studenti, riguardo al quale non si contano le attività culturali, ma non solo. Di Mauro Tubetti, infatti, va ricordato l’impegno anche in un settore molto sentito oggi, qual è appunto quello ecologico, e nella fattispecie la sua partecipazione nella cittadina alle porte di Udine che ha aderito con entusiasmo alla prima “Giornata mondiale delle api”, istituita dall’Organizzazione delle Nazioni Unite, a una giornata promossa dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Erika Furlani. Il rapper di Nimis durante una mattinata a scuola ha saputo coinvolgere gli alunni con le sue improvvisazioni freestyle che hanno sottolineato l’insostituibile ruolo di questi preziosi insetti per l’impollinazione delle piante e per la salvaguardia dell’equilibrio ambientale, sensibilizzando altresì l’opinione pubblica sulle minacce che affrontano a causa dell’inquinamento e sul loro contributo allo sviluppo sostenibile: le api e altri impollinatori, come le farfalle,  consentono infatti a molte piante di riprodursi, comprese le numerose colture che sono alla base dell’alimentazione umana e animale. Lo scopo della manifestazione era infatti quello di attirare l’attenzione della popolazione e dei politici sull’importanza della protezione delle api; ricordare che l’umanità dipende dalla vita delle api e degli altri impollinatori; proteggere tutti questi insetti per contribuire in modo significativo alla soluzione dei problemi legati all’approvvigionamento alimentare globale e per eliminare la fame nei Paesi in via di sviluppo; fermare la perdita di biodiversità ed il degrado degli ecosistemi, come  ha osservato anche il vicesindaco Christian Romanini.

 Dj Tubet


Nell’occasione, sono stati messi a dimora anche duecento alberi melliferi, cioè amici delle api. La manifestazione è stata scandita in due momenti diversi e che hanno visto il coinvolgimento di 140 ragazzi delle scuola media, oltre a rappresentanti delle associazioni locali. L’iniziativa si è snodata nell’ambito del progetto “Comune amico delle api” in accordo con l’Università degli studi di Udine  e ha avuto lo scopo di evidenziare l’importanza degli insetti impollinatori e dei prati stabili presenti sul territorio comunale, nonché la necessità improrogabile di salvaguardare gli alberi, a cominciare proprio da quelli melliferi.

Christian Romanini


E per questo il sindaco Furlani, con il vice e delegato all’ambiente Romanini, ha espresso un grazie alla «dirigente scolastica Elena Venturini, agli insegnanti e soprattutto agli studenti della scuola secondaria di primo grado “Giuseppe Marchetti” che hanno aderito con entusiasmo». Un grazie anche «alla Regione Fvg e al Vivaio Pascul di Tarcento per aver fornito le piante, alla Pro Campoformido e al circolo culturale fotografico Il Grandangolo che hanno collaborato con l’amministrazione comunale e al nostro ospite Dj Tubet che, col sostegno del Progetto Cultura Nuova, ha coinvolto i ragazzi con le sue improvvisazioni freestyle: è stata una grande festa e una bella lezione di educazione ambientale». In questo contesto, è stato ricordato anche l’incontro con le associazioni e i componenti del consiglio comunale per la Giornata mondiale della biodiversità, come sottolineato anche dal professor Pietro Zandigiacomo dell’Università di Udine, il quale ha spiegato l’importanza del progetto e del patrimonio ambientale dei prati stabili presenti nel territorio di Campoformido.

Il sindaco consegna le piantine.

—^—

In copertina, l’ape preziosa alleata dell’uomo scelta per la bella locandina dell’iniziativa ecologica a Campoformido.

Hits: 151

, , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com

Lascia un commento