Tutta nel segno del comune impegno per la salvaguardia e la valorizzazione delle Terre Alte il “Progetto Montagna”, fortemente voluto dal presidente del Teatro Verdi di Pordenone, Giovanni Lessio, che ha condiviso l’obiettivo di promuovere la valorizzazione dell’ambiente e la salvaguardia del territorio montano attraverso l’arte e la cultura con il presidente della Sezione di Pordenone del Cai Lorenzo Marcon.
Già felicemente avviata nel corso dell’estate 2020, in occasione del novantesimo anniversario del Rifugio Pordenone, il percorso ha vissuto una fase di ulteriore sviluppo la scorsa estate, con appuntamenti spettacolari proposti in Val Cellina, Val Tramontina e Val d’Arzino, consapevoli che nel contesto montano si evidenziano problematiche di vulnerabilità ambientale, spopolamento e perdita di riferimenti culturali. L’ambizioso progetto prosegue adesso con l’appuntamento che il Cai ha organizzato per oggi 15 ottobre al Cinema Teatro Castello di Spilimbergo.
Il programma è stato aperto stamane dal convegno ad ingresso libero “Ri-Generazioni: il futuro possibile della Montagna”. Un momento di scambio e confronto con presenze altamente qualificate, dal docente dell’Università di Trieste e accademico Cai Maurizio Fermeglia, all’antropologa Alpina Marta Villa, al giornalista Giuseppe Ragogna, al dottore forestale Giorgio Maresi, oltre al Ceo di Legnolandia di Forni di Sopra Marino De Santa, all’architetto Antonio Montani, presidente generale del Club Alpino Italiano, alla ricercatrice dell’Università di Udine Ivana Bassi, al direttore di Montagna Leader Pier Giorgio Sturlese, alla direttrice della Fondazione Dolomiti Unesco Mara Nemela e al direttore del Parco Naturale Dolomiti Friulane Graziano Danelin. Il convegno suddiviso in due macroaree – tra interventi accademici e testimonianze virtuose e case history – sono stati conclusi dal sindaco Enrico Sarcinelli e dal presidente del Verdi Giovanni Lessio.
E ora, alle 18.30, nel Duomo di Santa Maria Maggiore in programma il concerto ad ingresso libero “La Pastorale. Da Camera” (con il sostegno di Fondazione Friuli e Camera di Commercio Pordenone-Udine). Formazione tutta al femminile, l’Ensemble Intersezioni, coordinata dal violinista Tommaso Luison, interpreta la Sesta Sinfonia di Beethoven, universalmente noto con il titolo “Pastorale”, in una rara versione cameristica per sestetto d’archi.
Il convegno e il concerto rappresentano una tappa significativa di un progetto che proseguirà nel tempo. In particolare, il prossimo 11 dicembre sarà celebrata la “Giornata Internazionale della Montagna” con un altro straordinario appuntamento sinfonico al Verdi: Vadim Repin, fra i più acclamati violinisti del mondo, sarà solista in un concerto di Max Bruch con l’Orchestra Beethoven Philharmonie diretta da Thomas Rosner. Immancabile, nuovamente, la Sinfonia Pastorale di Beethoven, simbolo universale del rapporto fra musica e natura.

—^—

In copertina, uno scorcio delle montagne (Val Tramontina) del Friuli Venezia Giulia.

 

Hits: 32

, , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from Vigneto.FriuliVG.com